Prodotti per Auto / Van / 4x4

Tour de France campers/fans

Tour de France

spettacolo per gli spettatori 

PIÙ DI UNA GARA CICLISTICA - COSA RENDE IL TOUR LEGGENDARIO?

 

Il Tour de France può essere considerato un semplice evento sportivo, ma la ricetta del suo successo comprende tre ingredienti essenziali, oltre alle imprese atletiche dei migliori ciclisti del mondo:

DAL GRAND DÉPART ALLA TAPPA FINALE - PERCHÉ NON C'È NIENTE DI MEGLIO CHE GUARDARE IL TOUR DAL VIVO

German cycling fans meeting Tour De France superfan Didi the Devil

Meinhard Meister e Heiko Grabowski incontrano il superfan del Tour De France Didi il Diavolo © Meinhard Meister

Alla domanda sulla sua esperienza più memorabile al Tour de France, Jo Helsen fatica a trovare una risposta. Non perché non ci siano stati momenti speciali da ricordare, ma perché ce ne sono stati troppi. Il fanatico del ciclismo si è innamorato del Tour de France durante l'infanzia e il suo ruolo a bordo strada nel Tour si è evoluto nel corso degli anni. Tuttavia, pur essendo un ciclista appassionato, grazie ai legami personali con la scena professionale nel suo Belgio, sa che lo sport non rappresenta la sola attrazione: "Non c'è bisogno di sapere nulla di ciclismo, perché è molto più di una semplice gara. È l'atmosfera, sono gli elicotteri che girano, è la carovana pubblicitaria che passa, è vedere gli atleti con le loro gambe forti che scalano una montagna... non è solo il ciclismo, c'è qualcos'altro che non può essere descritto".

Meinhard Meister e Heiko Grabowski, due tifosi tedeschi che hanno assistito al Tour dal vivo quasi ogni anno dal 2004, concordano sul fatto che si tratti di qualcosa di più della corsa: "Quando vedi le persone lungo le strade, l'orgoglio negli occhi della gente del posto quando il Tour attraversa il loro piccolo paesino e le espressioni sui volti dei corridori mentre passano, è un'esperienza completamente diversa da qualsiasi cosa tu veda in televisione", sottolinea Meister, "Una volta che l'hai provato, vorresti tornare ogni anno". 

VIVERE IL TOUR DE FRANCE IN CAMPER

Fans trying to catch a glimpse of a TV showing the race in a motorhome at Alpe d’Huez, Tour De France

Tifosi che cercano di intravedere una TV che mostra la gara in un camper all'Alpe d'Huez, Tour De France © Meinhard Meister

Per i tifosi tedeschi, "going back" significa arrivare diversi giorni prima della tappa di montagna più spettacolare per trovare un posto sulla salita per parcheggiare il loro camper. Il tempo fino all'arrivo del gruppo viene trascorso esplorando strade panoramiche e scalando i passi di montagna della regione durante il giorno, e facendo amicizia con i propri vicini di posto la sera. Nel loro primo viaggio, avevano prenotato un hotel, ma una volta che hanno visto i camper parcheggiati nelle Alpi francesi, "hanno capito subito: questo è il modo giusto per partecipare".

Ancora oggi, il loro posto felice nel TDF è la curva 13 dell'Alpe d'Huez. Meister ricorda il primo giorno che sono arrivati ai piedi della famosa salita: "Prima ancora di scegliere la nostra postazione, abbiamo provato la salita con le nostre bici. Ad ogni curva, eravamo sempre più eccitati". Oggi, lui e l'altro appassionato di ciclismo Grabowski hanno una collezione infinita di ricordi del Tour, delle persone che hanno incontrato lungo la strada, dei "vicini di campeggio" con cui hanno condiviso la colazione, degli spettatori che li hanno aiutati a fare il tifo per il gruppo il giorno della gara, e naturalmente delle cime che hanno potuto raggiungere nei giorni di riposo del Tour. "Ti diverti tutto il giorno. Questo è il Tour", Grabowski riassume il fascino di una vacanza in bicicletta e campeggio sul percorso. "Si è così vicini ai ciclisti, più vicini che in qualsiasi altra competizione atletica", aggiunge, "specialmente quando stanno salendo lentamente la montagna, si possono leggere le emozioni sui loro volti, e si può dire che percepiscono la presenza dei tifosi, il sostegno e l'incoraggiamento quando vengono incitati". Gli spettatori possono avere un favorito, ma secondo Meister, non negano il successo agli altri corridori: "Forse è questo che rende l'atmosfera così speciale - questa sensazione di sostegno reciproco e di entusiasmo".


IL POSTO MIGLIORE SUL PERCORSO DI GARA

Tour de France at Col de Peyresourde in the Pyrénées

Il Tour de France al Col de Peyresourde nei Pirenei ©Instagram/@lesamisdutourdefrance

Per Jo Helsen, un viaggio su strada del Tour de France è una vacanza di lavoro. Prepara i suoi van Volkswagen d'epoca amorevolmente restaurati e percorre fino a 6.000 chilometri attraverso la Francia in sei settimane. Ha accompagnato il Tour con il suo bar itinerante, Café Welkom on Wheels, ogni anno dal 2009, tranne che nel 2020. Per lui, non è solo il modo migliore per vivere il Tour, ma anche un'opportunità per condividere quell'esperienza con gli spettatori di tutto il mondo: "Abbiamo musica, creiamo un'atmosfera fantastica e naturalmente incontriamo un sacco di gente", riassume, "Tutto il mondo passa dal nostro bar, dagli australiani agli americani, ai tedeschi e ai danesi. Arrivano da tutto il mondo per vedere il Tour de France". Il bar ha anche visto la sua giusta quota di VIP, aggiunge, "il gruppo, specialmente le squadre belghe, ci conoscono. Vengono con i loro ospiti e anche con i loro ciclisti nei giorni di riposo". Tuttavia, l'incontro con atleti di fama mondiale non è necessariamente l'aspetto sociale più importante del Tour. Sono gli altri appassionati sostenitori e le persone dietro le quinte che occupano un posto speciale nel cuore di Helsen. Dopo aver scambiato birra per salsicce in miniatura con il team di promozione di Cochonou durante un guasto al van nel 2010, si sono collegati sui social media e si sono dati appuntamento lungo il percorso ogni anno successivo. Quando il COVID ha impedito al Café Welkom on Wheels di unirsi al Tour, si sono scambiati dei regali per posta. "Ora che ne parlo ho un gran sorriso sul viso", ricorda Helsen con affetto.

Anche se ammette che né lui né la sua insolita flotta erano abbastanza preparati per l'ambiziosa impresa quando hanno iniziato a viaggiare, ora sono professionisti esperti. La no-profit che ha creato, che si chiama Les Amis Du Tour De France, ora ha "sponsor che ci sostengono e un equipaggio di dieci persone che viaggiano con noi. Andiamo con tre van e un grande camion con tutte le nostre provviste. È un grande caos quando andiamo in montagna. Ho quattro o cinque televisori, così quando sei nel mio bar, puoi raddoppiare - vedere la corsa in televisione e in diretta".

At the Col du Glandon

Al Col du Glandon

Jo Helsen potrebbe non essere in grado di rievocare il suo ricordo preferito del Tour de France, ma se gli si chiede quale sia il posto migliore in Francia per guardare il Tour, non ha dubbi: "Col de Peyresourde nei Pirenei. Mi manca. Anche parlandone ora, mi viene la pelle d'oca, perché non ci vado da due anni. Per noi, è davvero come un ritorno a casa. Se vuoi sentire l'atmosfera di quello che facciamo, devi assolutamente venire a trovarci lì quando passa il Tour.

"Cosa rende questo passo di montagna nei Pirenei centrali così speciale? Oltre alla storia del Tour, c'è anche il fatto che il sindaco ha concesso al Café Welkom on Wheels il permesso ufficiale di installarsi ai lati del percorso e che la gente del posto si ferma sempre per un drink - e per assaggiare il famoso stufato di guancia di maiale di Helsen, servito con patatine belghe. Tuttavia, c'è anche il fascino di una tappa che è relativamente tranquilla rispetto, per esempio, alle Alpi francesi o agli Champs-Élysées. Le piazzole lì non sono adatte ai camper normali e "sei ancora in una parte della Francia dove non puoi trovare nessuna connessione e sei offline per tre giorni, non puoi mandare un messaggio o navigare su internet", sottolinea Helsen, "Anche questo è qualcosa che contribuisce al fascino dell'avventura. Quei tre giorni sono sempre i giorni migliori".

CONSIGLI DI VIAGGIO PER UN SOGGIORNO IN CAMPER

 

Che tu sia presente al Grand Départ nel nord della Francia, che tu ti immerga nell'atmosfera delle tappe più affollate delle Alpi, che tu viva un'esperienza più rilassata in piccoli villaggi durante le tappe più remote o che tu scelga di alloggiare in un campeggio nel centro di Parigi per essere presente al traguardo, non c'è niente come assistere al Tour in prima persona. Ecco alcuni consigli da tenere a mente quando si pianifica un viaggio in camper in Francia.

  • Quest'anno, naturalmente, è importante tenere d'occhio gli avvisi di viaggio e le potenziali restrizioni dovute alle misure pandemiche. La maggior parte dei sostenitori non ha potuto assistere al Tour de France 2020, ma si spera che il 2021 vedrà le folle tornare in sicurezza.
  • Le condizioni locali variano a seconda di dove hai intenzione di viaggiare. Informati in anticipo sulle chiusure delle strade e arriva in tempo per trovare un posto in cui campeggiare sui percorsi di montagna più popolari.
  • Il campeggio selvaggio varia da consentito o tollerato a severamente proibito. Assicurati di aver prenotato un campeggio in anticipo o assicurati un posto in un parcheggio appositamente indicato nei luoghi in cui il campeggio selvaggio sul ciglio della strada non è consentito.
  • Arriva presto per le tappe più popolari. I migliori posti per camper lungo la strada nelle tappe di montagna possono essere occupati anche una settimana prima. Nei giorni e nelle ore che precedono il giorno della gara, i turisti giornalieri possono creare ingorghi.
  • Porta una bicicletta! Questo può sembrare ovvio per gli appassionati di ciclismo, che non vogliono solo fare gli spettatori. Tuttavia, avrai bisogno della tua bicicletta anche per ragioni pratiche. Ricorda che non puoi spostare il tuo camper una volta scelto il posto, quindi dovrai pedalare fino ai negozi più vicini per fare provviste.


Jo Helsen non sa se sarà in grado di partecipare al Tour quest'anno, ma tornerà sul percorso di gara non appena le cose torneranno alla normalità. "Sono orgoglioso che il mondo del ciclismo sia ospitato nel mio bar", dice, riferendosi non solo al suo Café Welkom on Wheels, ma anche all'originale Café Welkom (fisso) in Belgio, dove accoglie i ciclisti di tutto il mondo durante resto dell'anno.

Meinhard Meister e Heiko Grabowski sono altrettanto incerti: "Non si può pianificare nulla quest'anno", dice Grabowski, "ma la cosa buona del camper è che non devi pianificare. Se decidiamo di andare, possiamo semplicemente caricare le nostre biciclette sul portabagagli e partire".


Vita da camper nel Tour de France

Argomenti correlati

Tour de France - La storia

Tour de France History photos – cyclists and cheering crowd ©Getty Images

Il Tour de France spinge l'uomo e la macchina ai loro limiti dal 1903. Ma molto è cambiato dai primi giorni del Tour: da attrazione per lo più nazionale, è diventato il più grande evento sportivo annuale di più giorni al mondo, attirando miliardi di fan da tutto il mondo.

Scopri di più

Tour de France - Viaggio

Tour de France travel photo © A.S.O/Alex Broadway

Continua a leggere i nostri cinque punti salienti sul percorso del Tour de France, tappa per tappa, e scopri perché vale sempre la pena visitarli, non solo quest'estate.

Scopri di più