New content item

Eventi

Transitalia Marathon: grande successo per la quarta edizione

Transitalia Marathon

Anche quest’anno centinaia di amanti dell’enduro si sono riuniti nella quarta edizione di Transitalia tra i borghi più suggestivi d’Italia. Da Rimini a Pescara, 4 giorni alla scoperta del Bel Paese.

Transitalia Marathon

7 del mattino, Rimini. Circa 400 motociclisti si sono radunati in Piazzale Fellini. Amanti dell’off road provenienti da ogni parte d’Italia, e in lontananza si sente anche qualche accento straniero, specialmente tedesco. Cosa li accomuna? Stanno tutti partecipando al Transitalia Marathon. Giunta alla sua quarta edizione, anche quest’anno Mirco Urbinati e il suo staff hanno portato in giro per l’Italia centinaia di enduristi per circa 900 km su strade dissestate, pane per i denti dei più impavidi. Un successo straordinario: solo sei minuti per chiudere le iscrizioni, lasciando a bocca asciutta almeno altri 500 potenziali partecipanti che molto probabilmente ritenteranno l’anno prossimo.

Un unico percorso lungo più di 800 km da Rimini a Pescara, diviso in 3 tappe, 1 al giorno (dal 27 al 29 Settembre).

La formula è molto semplice e ben studiata: Road Book e GPS consegnati all’inizio di ogni tappa e briefing introduttivo, e ci si sente subito parte del rally.

27 settembre, Rimini: sono le prime luci del mattino e i bikers più appassionati sono pronti per iniziare la loro avventura off-road tra i paesaggi romagnoli. Prima tappa: Rimini – Passignano sul Trasimeno per un totale di 268 km. Ad aggiungere quel tocco in più è la magnifica vista sul Lago Trasimeno che ha accompagnato i bikers per l’intera giornata fino a sera.

Dalla riviera romagnola fino ai paesaggi umbri. La seconda tappa ci porta da Passignano a Cascia, piccolo borgo nelle vicinanze di Norcia e Spoleto. Qui, gli oltre 400 bikers hanno avuto modo di ammirare questa piccola bomboniera immersa nel territorio collinare della provincia di Perugia a confine con il Lazio.

L’edizione più impegnativa e più soddisfacente di tutte si è poi conclusa a Marina di Pescara nel suo Porto Turistico. A conclusione di questo meraviglioso percorso, la festa finale che anche quest’anno è riuscita ad unire centinaia di motociclisti tra loro diversi ma accomunati dalla stessa passione per l’enduro.   

Dietro, nei backstage, necessaria un’organizzazione impeccabile per rendere tutto questo possibile: “Abbiamo organizzato ogni dettaglio”, ha spiegato Urbinati. “Per offrire ai partecipanti un servizio di alto livello e proprio per questo lo staff sul percorso di gara quest’anno conterà oltre 80 persone. Ogni mattina, oltre ai partecipanti, partirà anche una vera carovana di veicoli dell’organizzazione che si sposterà per andare a posizionarsi nei punti strategici di assistenza e a fine tappa”.

Noi di Continental non siamo certo rimasti a guardare lo spettacolo. Anche quest’anno siamo stati official partner tire del motoraduno, seguendo i motociclisti per tutto il loro percorso in giro per l’Italia e assicurando il cambio gomme per chi lo richiedesse, grazie alla preziosa collaborazione di un partner di fiducia: Andrea Barani di Barani SNC (Via E. Mattioli, 14, 42011 Bagnolo In Piano RE). Protagonista indiscusso il TKC 80, il tassellato che con il suo look rude e selvaggio ha conquistato tutti.

 

Per il 2018 è tutto, siete pronti per l’itinerario 2019?

Utilizziamo i cookie per offrire agli utenti un’esperienza eccellente sul nostro sito web. Fai clic qui per scoprire di più o per modificare le tue impostazioni sui cookie.