New content item
Buon Tour!


The yellow jersey for the proper grip

Fughe audaci, inseguimenti folli, salite micidiali e discese a rotta di collo: il Tour de France è considerato la corsa di ciclismo più dura del mondo. Chi raggiunge il traguardo a Parigi, dopo tre estenuanti settimane di tornanti stretti, asfalto bollente, strade sterrate, acciottolato e condizioni meteorologiche estreme, è praticamente già considerato il vincitore. Ogni giorno, il Tour spinge i ciclisti, le loro biciclette e i veicoli di supporto ai loro limiti. Questa affascinante competizione è seguita con entusiasmo da milioni di fan, che vivono vicino al percorso e in tutto il mondo. Ed è l'opportunità di presentazione perfetta per Continental. Autisti di automobili e ciclisti traggono vantaggio dalla lunga tradizione dell'azienda nello sviluppo e nella produzione di pneumatici ad elevata tecnologia e apprezzano anche gli elevati standard di sicurezza e agilità dei pneumatici. Quest’anno sette squadre al Tour de France si affideranno agli pneumatici di Continental, incluso il team del vincitore dell’anno scorso Christopher Froome.

“Lo pneumatico gioca un ruolo chiave nel ciclismo", afferma Christian Prudhomme, direttore del Tour de France. “È l’unico collegamento tra il ciclista, la bici e la strada.”

Continental sarà il partner ufficiale del Tour de France, inizialmente per cinque anni, a partire dal 2018. Continental sarà presente su cartelloni e in spot pubblicitari per la corsa e sarà parte attiva del Tour: fornendo gli pneumatici per i veicoli di servizio ufficiali del Tour. Ciò trasforma ogni arrivo in vetta, gareggiando in bici, accompagnando in moto e con i veicoli di servizio, in un “incontro al vertice” per gli pneumatici Continental.

“Con questa partnership dimostriamo il nostro elevato grado di competenza nella produzione degli pneumatici. E lo facciamo in un contesto unico e globalmente rilevante: una corsa ciclistica che ha i più alti standard di sicurezza, in particolare per quanto riguarda gli standard tecnici per la resistenza al rotolamento e il peso.”

Nikolai Setzer, membro del consiglio esecutivo responsabile della divisione pneumatici e acquisti aziendali, Continental AG

Tour de France 2018 7-29 luglio

 

Il percorso

Con i suoi 3351 chilometri di lunghezza, il 105esimo Tour de France è notevolmente corto. E questo è solo uno dei tanti cambiamenti che renderanno il tour ancora più attraente e ciclisti ancora più aggressivi. Tuttavia, la parola d'ordine qui è “andare con calma”. Dopotutto, sulla strada per Parigi, i professionisti devono scalare 26 montagne classificate. Queste includono 12 nelle Alpi, 4 nel Massiccio centrale e 10 nei Pirenei.

Il Tour de France di quest'anno è quasi al 100% francese. Tranne una breve visita di circa 15 chilometri in Spagna durante la tappa 16 tra Carcassonne e Bagnères-de-Luchon, il 105esimo Tour de France non lascerà i confini della Francia. Verranno attraversati 36 “dipartimenti” e il Paese Basco, che non era più stato visitato dal 2006, è ancora una volta sulla mappa del Tour.

 

Le squadre

22 squadre provenienti da tutto il mondo si sfidano nel Tour. Quest'anno, una squadra comprende solo otto ciclisti, portando il numero totale di professionisti a 176. Ciò significa più sicurezza per i ciclisti e più suspense. Una singola squadra non può più dominare il tour nella misura in cui era possibile negli anni precedenti.

La presentazione ufficiale dei 176 ciclisti in rappresentanza delle 22 squadre partecipanti al Tour de France del 2018 si svolgerà tra le 18:30 e le 20:00 di giovedì 5 luglio a La Roche-sur-Yon, in Vandea.

 

Le tappe

Il tour prevede 21 tappe, interrotte da due giorni di riposo: uno ad Annecy (16 luglio) e uno a Carcassonne (23 luglio). Il tour inizia a Noirmoutier-en-l'Île nel dipartimento della Vandea, con le solite tappe piane per la “rolling start” (partenza lanciata). Come sempre, è nelle cinque tappe di montagna intimidatorie che i favoriti si staccheranno decisamente dal resto del gruppo.

Le strade della Vandea e dei Paesi della Loira sono intimamente legate alla storia del Tour de France. Nel 1919 grazie a un arrivo di tappa a Les Sables-d'Olonne, la Vandea apparve per la prima volta sulla mappa del Tour. Nantes era già stata visitata nel 1903 durante l'edizione inaugurale dell'evento.

Punti salienti del tour

 

  • Corsa a cronometro

    Dopo una pausa di un anno, la terza tappa del tour offre un'altra corsa a cronometro a squadre. La lotta contro il tempo a Cholet supera i 35 chilometri. Il tour sarà probabilmente deciso nella corsa a cronometro individuale oltre i 31 chilometri sulla 20a tappa, da Saint-Pée-sur-Nivelle a Espelette.

  • Hell of the North (Inferno del nord)

    Quest’anno la nona tappa è considerata una delle più spettacolari. Si estende per oltre 154 km, dalla cittadella di Arras nell'Inferno del Nord fino a Roubaix. I ciclisti devono padroneggiare 15 segmenti acciottolati su una lunghezza di 22 chilometri, conosciuti e temuti dalla classica monumento Parigi-Roubaix.

  • Alpe d’Huez

    I ciclisti devono affrontare i 5.000 metri di dislivello nella dodicesima tappa, da Bourg-Saint-Maurice Les Arcs ad Alpe d'Huez. L'agonia alla fine dei 175 chilometri: 21 tornanti fino ad Alpe d'Huez. Si fa davvero seria la lotta per la maglia gialla.

  • Inizio da Formula 1

    Rivoluzione nel tour: la 17a tappa da Bagnères-de-Luchon a Saint-Lary-Soulan è lunga solo 65 chilometri. E la corsa inizierà in stile Formula 1, cioè leggermente scaglionata, a seconda della posizione nella classifica generale, con l'indossatore della maglia gialla in "pole position". Il motivo: chi è al comando dovrebbe compiere almeno la prima delle tre difficili salite senza il supporto della squadra. Si attendono attacchi costanti.

Il significato dei colori delle maglie

La maglia gialla

Il leader nella classifica generale, ovvero il ciclista che ha coperto la distanza totale finora nel più breve tempo possibile, indossa la maglia gialla.

 

La maglia della classifica degli scalatori

Gli specialisti delle salite godono di un riconoscimento speciale durante il tour e utilizzano un sistema di classificazione separato, per il quale i punti vengono assegnati ad ogni altezza superata. Più difficile è la montagna (divisa in cinque categorie di difficoltà), maggiore è il punteggio. Il ciclista che attualmente ha il punteggio più alto nella classifica degli scalatori indossa la maglia bianca con i pois rossi. È quasi popolare come la maglia gialla.

 

La maglia verde

In omaggio agli uomini più veloci, il miglior velocista corre con una maglia verde. A tale scopo, verranno conteggiati due punteggi e i punti assegnati per tappa: dopo circa due terzi del percorso e al traguardo.

 

La maglia bianca

Il miglior giovane ciclista (under 26 anni) nella classifica generale spicca ogni giorno, in quanto indossa una maglia bianca.

New content item

Temi correlati

Massima qualità per le biciclette così come per le auto

New content item

Indipendentemente dal veicolo che preferite, Continental vi supporta in ogni situazione di guida con una tecnologia di pneumatici di prim'ordine.

Scopri di più

Continental supporta i giovani cadetti

New content item

Ogni anno la generazione futura di talenti del ciclismo è invitata a correre davanti al peloton (gruppo) come Les Cadets Juniors du Tour ufficiali.

Scopri di più

Evitate i pericoli con una manutenzione regolare dei pneumatici

New content item

Vi immaginate di partecipante al Tour de France? Ecco alcuni suggerimenti per la manutenzione degli pneumatici da bicicletta.

Scopri di più

Utilizziamo i cookie per offrire agli utenti un’esperienza eccellente sul nostro sito web. Fai clic qui per scoprire di più o per modificare le tue impostazioni sui cookie.