Prodotti per Auto / Van / 4x4

Tour de France History photos – cyclists and cheering crowd ©Getty Images

Tour de France

La storia

IL TOUR DE FRANCE: ALLORA E OGGI

Il Tour de France spinge l'uomo e la macchina ai loro limiti dal 1903. Ma molto è cambiato dai primi giorni del Tour: da attrazione per lo più nazionale, è diventato il più grande evento sportivo annuale di più giorni al mondo, attirando miliardi di fan da tutto il mondo. Anche sulla strada, le cose sono molto diverse: più sicure, più professionali e un po' meno lasciate al caso. Unisciti a noi in un giro tra i ricordi e la storia del Tour.

COSA È CAMBIATO? LA STORIA DEL TOUR DE FRANCE

Foto storica della tappa finale del Tour, Parigi, 20 luglio 1975

Foto storica della tappa finale del Tour, Parigi, 20 luglio 1975

Il primo Tour de France si tenne nel 1903 - con lo scopo di vendere più giornali... Fu creato e sponsorizzato dal giornale sportivo francese L'Auto, che sperava che una nuova e dura corsa di resistenza intorno al paese avrebbe catturato l'attenzione del pubblico e aumentato le sue vendite in declino. Aveva ragione. La gara fu un successo, e decine di migliaia di persone si radunarono a Parigi per assistere alla sua tappa finale - proprio come fanno oggi. Ma molte altre cose sono cambiate radicalmente dal primo Tour del 1903.

STORIA DEL TOUR

 
  • Nel 1903, le sei mostruose tappe del Tour de France coprivano un totale di 2.428 chilometri, il che significa che alcune corse si svolgevano di notte su strade accidentate e non asfaltate.
  • I corridori partecipavano singolarmente, senza il supporto di una squadra.
  • Il vincitore inaugurale del Tour de France, lo spazzacamino part-time Maurice Garin, portò a casa 3.000 franchi, equivalenti a circa 12.000 euro di oggi.
  • Il suo margine di vittoria fu di quasi tre ore, il più grande di sempre.
  • Una fascia verde al braccio indicava il leader della classifica generale. La famosa maglia gialla non fu introdotta fino al 1919.


IL TOUR OGGI

 
  • Il Tour 2021 coprirà 3.383 chilometri in 21 tappe.
  • Si prevede che quest'anno parteciperanno 23 squadre professionali, ognuna con otto ciclisti.
  • Nel 2021, il leader della classifica generale riceverà 500.000 euro.
  • Il suo margine di vittoria sarà probabilmente solo una manciata di minuti al massimo.
  • Il Tour de France è seguito da circa 10-12 milioni di spettatori sul posto, con più di due miliardi di altri che si sintonizzano in tutto il mondo.  

DA PILOTI SPERICOLATI A PROFESSIONISTI DELLO SPORT

Foto del Tour de France del 1960 ©Getty Images

Foto del Tour de France del 1960 ©Getty Images

I ciclisti del Tour de France sono sempre stati incredibilmente in forma e dediti al loro mestiere. Ma nei primi giorni della gara, i concorrenti avevano una visione più rilassata dell'allenamento e della dieta.

L'alcol era un punto fermo per molti corridori, anche durante la gara. Il vincitore del Tour de France del 1903 Maurice Garin era un appassionato di vino e sigarette e amava fermarsi in diversi bar lungo il percorso per "fare rifornimento". Nel 1935, quasi tutto il gruppo si fermò per bere qualcosa con la gente del posto!

Naturalmente, l'esercizio faticoso richiede che i ciclisti assumano molti carboidrati e calorie, ma a quei tempi c'era poca preoccupazione per il valore nutrizionale. Il vincitore del Tour de France del 1904, Henri Cornet, preferiva una dieta che comprendeva molta cioccolata calda, tè, champagne e budino di riso.

In confronto, i professionisti di oggi dedicano quasi ogni singolo giorno a rimanere in forma e in salute. La stagione ciclistica va da febbraio a ottobre e le squadre pianificano meticolosamente tutto per i loro corridori per assicurarsi che raggiungano il picco al momento giusto.

Le diete sono gestite con cura, mentre i programmi di allenamento includono tutto, dalle sessioni di palestra e yoga ai massaggi e allo stretching, oltre a molte ore in sella. Durante il Tour, a seconda della difficoltà della tappa, i corridori possono mangiare fino a 7.000 calorie al giorno - tre volte quello che l'uomo medio brucia in un giorno.

DA TIFOSI FRANCESI A SUPERFAN INTERNAZIONALI

Tour De France Foto di Didi il diavolo - probabilmente il più noto fan del TDF ©A.S.O./Charly López

Tour De France Foto di Didi il diavolo - probabilmente il più noto fan del TDF ©A.S.O./Charly López

Le limitate possibilità di viaggio hanno fatto sì che i primi giorni del Tour fossero principalmente seguiti dalla gente del posto. I tifosi francesi che uscivano a guardare erano spesso ferocemente solidali con gli eroi della loro città natale. Nel 1904, diverse centinaia di tifosi cercarono di aiutare Antoine Fauré gettando chiodi e vetri sulla strada e attaccando i suoi rivali, con un corridore che perse persino i sensi. Gli ufficiali di gara alla fine dovettero sparare con le pistole in aria per disinnescare la situazione.

Oggi, i fan viaggiano da tutto il mondo per assistere i migliori ciclisti del mondo. In riconoscimento dell'ampio appeal della corsa, il Tour ora parte regolarmente anche al di fuori della Francia. La sua tappa di apertura, Grand Départ, si è tenuta in Italia, Inghilterra, Germania, Belgio e Paesi Bassi, tra gli altri.

Sebbene i fan siano generalmente più educati in questi giorni, possono ancora avvicinarsi un po' troppo all'azione. Gli spettatori troppo esuberanti hanno purtroppo causato numerosi incidenti, in particolare sulle strette strade di montagna. Non è possibile posizionare barriere lungo centinaia di chilometri di strada ogni giorno, ma il Tour ora le usa per proteggere i corridori dai sostenitori in cerca di selfie nel tratto finale di ogni tappa.

UNA STORIA DI STRADA

Il ciclista francese Maurice Garin, il primo vincitore del Tour de France, correva su una bicicletta notevolmente diversa da quelle usate oggi (e senza indossare il casco). Grazie a un telaio in acciaio e cerchi in legno, pesava 18 kg, molto più del doppio delle macchine di oggi. E le biciclette non erano solo pesanti, erano anche a velocità singola, rendendo la salita particolarmente faticosa. Per rendere le cose ancora più difficili, i ciclisti correvano da soli - senza macchine di squadra o biciclette di ricambio. Si avvolgevano addosso pneumatici e camere d'aria di ricambio come cinture di munizioni per essere pronti ad inevitabili forature.

Quest'anno, i ciclisti affronteranno ogni tappa del Tour de France su biciclette in fibra di carbonio che pesano circa 7 kg. Avranno anche una scelta a seconda delle diverse tappe: pianura, montagna o cronometro. I caschi ora sono obbligatori.

A sostegno di ogni team c'è una squadra di supporto che comprende un direttore generale, più direttori, meccanici, uno chef, un medico e massaggiatori. Mentre sono sulla strada, i corridori sono in costante contatto con la loro squadra via radio e hanno a disposizione bici sostitutive, abbigliamento, cibo e bevande grazie alle auto di supporto.


Argomenti correlati

Tour de France – spettacolo per gli spettatori

Tour de France campers/fans ©A.S.O./Thomas Maheux

DAL GRAND DÉPART ALLA TAPPA FINALE - PERCHÉ NON C'È NIENTE DI MEGLIO CHE GUARDARE IL TOUR DAL VIVO

Scopri di più

Tour de France - Viaggio

Tour de France travel photo © A.S.O/Alex Broadway

Continua a leggere i nostri cinque punti salienti sul percorso del Tour de France, tappa per tappa, e scopri perché vale sempre la pena visitarli, non solo quest'estate.

Scopri di più