Prodotti per Auto / Van / 4x4

Oltre 145 anni di innovazione e progresso.

Costantemente
in avanti

Oltre 145 anni di innovazione e progresso

Continental ha una storia di successo che risale al 1871, anno di fondazione dell'azienda ad Hannover, in Germania. Ovunque ci siano persone che si sforzano di trasformare le proprie idee di mobilità in realtà, noi siamo pronti ad aiutarle.

È il filo conduttore che ha guidato ogni nostra era; le nostre tecnologie, i sistemi e le soluzioni di servizi rendono la mobilità e il trasporto più sostenibili, più sicuri, più comodi, più personalizzati e più convenienti.

C'è molto di cui parlare, qui però riportiamo un riepilogo delle fasi chiave in oltre 145 anni di innovazione e progresso, con uno sguardo al futuro.

La strada verso la sostenibilità (1991 - presente)

Nel 2018 viene inaugurato il laboratorio sperimentale "Taraxagum Lab Anklam" nel Mecklenburg-Vorpommern, in Germania. Il laboratorio svolge ricerche rivoluzionarie nell'ambito della coltivazione e della lavorazione dei tarassachi russi come fonte alternativa di materia prima all'albero della gomma, un grande passo avanti nella produzione ecocompatibile di pneumatici.

Nel 2013 nasce il ContiLifeCycle, con un occhio di riguardo al ciclo di vita dei pneumatici per veicoli commerciali Continental. Adottando una combinazione del tutto esclusiva di riciclaggio della gomma e rigenerazione degli pneumatici per veicoli commerciali, Continental sviluppa una soluzione sostenibile che amplia il ciclo di vita degli pneumatici, riducendo considerevolmente i costi.

Nel 2007, Continental acquisisce Siemens VDO Automotive AG e diventa uno dei cinque fornitori principali al mondo del settore automobilistico. Allo stesso tempo, l'azienda amplia la propria posizione di mercato in Europa, Nord America e Asia.

Nel 2003 viene lanciato ContiSportContact 2 Vmax, il primo pneumatico da strada approvato per velocità fino a 360 km/h. Successivamente, Continental ha ricevuto il riconoscimento ufficiale Guinness World Records per la vendita degli pneumatici legali su strada, più veloci al mondo.

Nel 1998, l'azienda ha rafforzato la propria posizione di produttore globale di pneumatici aprendo sedi in Argentina, Messico, Sud Africa e Slovacchia.

In considerazione dell'impatto ecologico dello pneumatico, nel 1991 è stato piantato un nuovo seme. Continental lancia ContiEcoContact, il primo pneumatico sostenibile al mondo, che dimostra come la tutela dell'ambiente non debba necessariamente influire negativamente sulle prestazioni o la sicurezza.

Gli ingegneri hanno prestato particolare attenzione alla riduzione della resistenza al rotolamento e all'usura degli pneumatici, è così che ContiEcoContact dura molto di più e lascia molti meno residui sull'asfalto (rispetto agli pneumatici tradizionali).

Un altro vantaggio per l'ambiente - e per i costi operativi del conducente - è che migliora l'efficienza dei consumi del veicolo. Oggi, ContiEcoContact è alla sua quinta generazione e continua ad essere valutato come il migliore della classe dai test indipendenti.

In evidenza: L'arte della pubblicità

L'età d'oro dei trasporti e della mobilità ha rappresentato una straordinaria fonte d'ispirazione ad un'altra forma di arte emergente: la pubblicità. Negli archivi di Continental, vi è una quantità incredibile di poster colorati che riflettono non solo le qualità dei nostri prodotti, ma anche le aspirazioni dei nostri clienti.
Con temi come le prestazioni, la sicurezza o il puro piacere di viaggiare in località esotiche, vi è tanto da imparare da questi scatti colorati di storia culturale.

Internazionalizzazione (1961 - 1990)

L'acquisizione del produttore di pneumatici nordamericano General Tire nel 1987 ha segnato la fondazione di una nuova filiale internazionale: Continental Tire North America, Inc.

Nel 1979 Continental acquisisce la produzione europea di pneumatici Uniroyal per una base più ampia in Europa. Sei anni dopo, viene acquisita anche la produzione di pneumatici dell'australiana Semperit.

Un grande innovazione viene svelata nel 1972, quando Continental lancia lo pneumatico invernale non chiodato ContiContact. Rappresenta un miglioramento significativo nella sicurezza stradale, quando si guida in condizioni stagionali impervie.

La richiesta di pneumatici di diversi tipi e usi è cresciuta insieme allo sviluppo dinamico della produzione mondiale di automobili. Per tenere il passo con i requisiti di mercato, Continental ha creato un centro di collaudo dedicato. L'impianto di collaudo pneumatici Contidrom ha aperto nel 1967 ai confini della Landa di Luneburgo.

In evidenza: La prima auto al mondo senza conducente

Nel 1968 è stata testata sulla pista di Contidrom la prima auto senza conducente, controllata elettronicamente, con grande stupore della stampa e del pubblico. L'obiettivo di questo visionario progetto fu quello di determinare quanto precisamente potessero essere testati gli pneumatici utilizzando metodi scientifici in condizioni programmate. Ma per altri versi, gli ingegneri di Continental stavano aprendo la strada alla futura guida autonoma.

Oggi Continental continua a lavorare a nuove tecnologie a supporto della guida autonoma. Al momento ad occupare le piste di collaudo chiuse è il CubE - "Continental Urban Mobility Experience" - che può essere attivato da un'app dello smartphone per trasportare i passeggeri a destinazione in tutta sicurezza. Altrove i ricercatori esplorano il potenziale della guida su autostrada automatizzata e la guida automatica in garage. Eliminare la necessità di un conducente ispira idee anche per l'interno dell'auto: gli ingegneri Continental sono in grado di rimodellare gli interni, trasformandoli in un elegante e invitante soggiorno.

Start
 

Successo nelle corse (1931 – 1960)

Continental inizia la produzione di massa di pneumatici radiali per la prima volta nel 1960. L'azienda lancia la lettera "R" per la designazione di questi pneumatici, che di conseguenza diventa lo standard per i produttori di pneumatici di tutto il mondo.

Nel 1955 Continental è la prima azienda tedesca a iniziare la produzione di pneumatici tubeless per automobili, tenendo in considerazione i requisiti dei produttori di auto. Questi pneumatici sono notevolmente superiori in termini di affidabilità agli pneumatici tradizionali.

Nel 1952 Continental lancia i primi pneumatici d'Europa appositamente progettati per le condizioni invernali e di gelo, М+S (Mud and Snow).

Lavorando a stretto contatto con Daimler-Benz e Porsche, Continental ripete i successi anteguerra su pista dal 1951 al 1955. Piloti come Stirling Moss, Karl Kling e Juan Manuel Fangio vinsero i Gran Premi di Francia, Gran Bretagna, Paesi Bassi e Italia in auto dotate di pneumatici ad alta velocità Continental.

Al termine della guerra nel 1945, il governo militare britannico concede alle fabbriche di Hannover il permesso di riprendere la produzione.

Durante la guerra, i ricercatori continuano a lavorare a nuovi design e tecnologie. Uno dei risultati è il brevetto degli pneumatici tubeless per auto assegnato all'azienda nel 1943.

Tra il 1935 e il 1940, le auto Mercedes e Auto-Union (oggi nota come Audi), equipaggiate con pneumatici da corsa Continental, collezionano una formidabile serie di trionfi. Quattro vittorie consecutive al Gran Premio di Germania, quattro vittorie alla North African Tripoli, tre in Italia, più numerosi record di velocità hanno aiutato piloti come Rudolf Caracciola, Berndt von Rosemeyer e Hans Stuck a ottenere la fama internazionale.

Continental durante la Seconda Guerra Mondiale

Dopo lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale nel 1939, la produzione di pneumatici e gomma fu strettamente regolata per soddisfare i requisiti militari per veicoli e velivoli e la produzione di abbigliamento, scarpe e altre forniture. Come molte produzioni industriali a quei tempi in Germania, Continental utilizzò la forza lavoro fornita dal cosiddetto "Terzo Reich". Questo triste episodio è una macchia sulla coscienza e attualmente è oggetto di uno studio storico che sarà pubblicato nel 2021.

Pionieri dell'innovazione (1901 - 1930)

Agli inizi del 20° secolo, Continental abbraccia una trasformazione della propria produzione: gli pneumatici per auto. L'azienda riscuote grande successo sin dal principio, un successo che non si è ancora arrestato.

Il nero di carbone viene adottato per la produzione di pneumatici nel 1926, utilizzato come riempitivo di rinforzo per dare agli pneumatici maggiore resistenza all'usura e all'invecchiamento, nonché il suo colore caratteristico.

Nel 1921 Continental è la prima azienda tedesca a lanciare sul mercato lo pneumatico cinturato. Il tessuto in fibra della cintura è più flessibile, rappresentando un'innovazione significativa dal tessuto in lino cucito a quadri, più rigido.

Le innovazioni non riguardano solo gli pneumatici per auto. L'aviatore pioniere Louis Blériot ha fatto la storia con il primo volo attraverso il Canale della Manica nel 1909. Il materiale aeronautico Continental avvolgeva le ali e la fusoliera del suo velivolo.

Continental inventa il cerchio rimovibile per le berline nel 1908, una notevole innovazione che consente un risparmio di tempo e di fatica nel cambio di uno pneumatico.

Nel 1904 Continental presenta il primo pneumatico per auto al mondo con battistrada scolpito.

Il 25 marzo 1901, le prime automobili di Karl Benz, successivamente noto come Mercedes, furono dotate di pneumatici Continental. Nella corsa di Nizza-Salon-Nizza ottiene una vittoria sensazionale, coprendo una distanza di 414 chilometri in 6 ore, 45 minuti e 48 secondi. Questa vittoria si rivelò una pubblicità efficace ed incentivò lo sviluppo di nuovi design di pneumatici.

Lo spirito dell'ottimismo (1871 - 1900)

Il 1892 è stata posta una pietra miliare quando Continental è diventata la prima azienda tedesca a produrre pneumatici per biciclette.
L'immagine del cavallo rampante è apparsa per la prima volta sui prodotti Continental nel 1875 - sulla base dell'emblema della città di Hannover - e viene adottato formalmente come marchio aziendale nel 1882.
La Continental Caoutchouc & Gutta-Percha viene fondata ad Hannover l'8 ottobre 1871, quindici anni prima della produzione della prima automobile. La produzione della fabbrica principale a Vahrenwalder Street comprendeva tessuti gommati per impermeabili, borse per l'acqua calda e pneumatici solidi per biciclette e carri.
La scelta di Hannover come luogo in cui stabilire l'attività non è stata casuale. All'inizio del 19° secolo, la città era un hub industriale in fermento con impianti di produzione, tessitura, opifici tessili e anche cioccolaterie di lusso. Già nel 1843 Hannover era collegata al resto della Germania con una linea ferroviaria diretta.

In evidenza: Perché un cavallo? Il logo degli pneumatici Continental risale al 1875

Il cavallo rampante è uno dei marchi più familiari nell'industria automobilistica, simboleggiando forza, agilità e resistenza. Nel corso degli anni ha assunto diverse forme. Ma come e perché è diventato sinonimo di pneumatici Continental?

La prima comparsa del cavallo è dovuta ad un veterinario di nome Hartmann che inventò "cuscinetti per gli zoccoli" fatti di gomma morbida, pensati per impedire ai cavalli di scivolare sulle superfici ghiacciate. Ottenne un brevetto, mentre Continental li produceva e li distribuiva. Ogni cuscinetto per zoccoli presentava l'immagine di un cavallo eretto sulle due zampe posteriori.

Ma il significato più ampio del cavallo deriva dalle radici dell'azienda di Hannover; il cavallo purosangue omonimo è il simbolo tradizionale della regione. La sua prima comparsa come emblema dei Duchi di Brunswick-Lüneburg è stata riscontrata nel 14° secolo ed è ancora oggi presente nel simbolo dello stato tedesco della Bassa Sassonia.

Uno sguardo al futuro

Proseguendo la nostra lunga storia di innovazione, Continental sta sviluppando due tecnologie di pneumatici completamente nuove, che renderanno la strada ancora più sicura e confortevole in futuro. I due sistemi - ContiSense e ContiAdapt  - permetteranno il monitoraggio continuo delle condizioni dello pneumatico, oltre alla possibilità di abbinare facilmente le caratteristiche prestazionali degli pneumatici alle condizioni di strada prevalenti. Le tecnologie hanno debuttato ufficialmente al Motor Show di Francoforte nel 2017.

ContiSense si basa sulla sviluppo di composti di gomma elettroconduttivi, che permettono di inviare segnali elettrici da un sensore nello pneumatico ad un ricevitore nell'auto. ContiAdapt combina microcompressori integrati nella ruota per regolare la pressione dello pneumatico con un cerchio di larghezza variabile. Questo consente al sistema di modificare le dimensioni del punto di contatto, aspetto che in diverse condizioni della strada rappresenta un fattore decisivo per la sicurezza e il comfort.

Sia ContiSense che ContiAdapt sono stati integrati in uno pneumatico che consente di sfruttare i vantaggi di entrambi i sistemi. Il disegno dello pneumatico è caratterizzato da tre diverse zone di battistrada per la guida su bagnato, superfici scivolose o asciutte. A seconda della pressione dello pneumatico e della larghezza del cerchio, vengono attivate diverse zone del battistrada e lo pneumatico adotta "l'impronta" necessaria a seconda delle situazioni. In questo modo le caratteristiche dello pneumatico si adattano alle condizioni di guida prevalenti o alle preferenze del conducente.

Continental crede che entrambe le tecnologie per pneumatici siano soluzioni promettenti per la mobilità del futuro, in cui gli pneumatici vengono adattati per soddisfare le esigenze di guida automatizzate e e-mobility.

Perché Continental

Ingegneria tedesca

Gli ingegneri tedeschi sono famosi per la loro serietà, precisione ed efficienza, gli stessi valori alla base delle innovazioni passate e presenti targate Continental.

Scopri di più

Primo equipaggiamento

Con il primo equipaggiamento Continental fai parte della più grande community al mondo per la sicurezza.

Scopri di più

Test e risultati

I pneumatici Continental ricevono continuamente le migliori valutazioni nei test indipendenti di tutto il mondo e questo non fa che confermare la qualità di un’esperienza di guida sicura, in tutte le condizioni.

Scopri di più

Competenza automotive

Dalla guida autonoma alla e-mobility, passando per la sostenibilità, scopri in che modo Continental supera il concetto di pneumatico e contribuisce a creare il futuro delle nostre autovetture.

Scopri di più

Pneumatici in evidenza

Trova il tuo pneumatico

La strada più veloce per trovare il giusto pneumatico.