Prodotti per veicoli commerciali

Pneumatici per il trasporto merci

Pneumatici per il trasporto merci

Lavorare al di là degli orizzonti

Non tutti sognano di diventare dirigenti. In Continental gli esperti possono anche fare carriera per se stessi. Il loro compito in Ricerca & Sviluppo nella BU Pneumatici è utilizzare le ultime scoperte scientifiche per realizzare prodotti commerciabili.

Christian Jäckel

Alcune persone sono semplicemente brave in quello che fanno. Nessuna decisione viene presa, senza aver prima ascoltato la loro opinione. "Premiare" questi esperti con una promozione a dirigenti non farebbe giustizia al loro talento. "Con la funzione di “esperto”, stiamo realizzando un livello elevato di specializzazione e consolidando le condizioni che permetteranno a queste persone di sviluppare a pieno e attuare il proprio potenziale e la propria esperienza", ci riferisce Christian Jäckel, a capo del team Sviluppo delle Risorse Umane per Ricerca e Sviluppo nella divisione Pneumatici di Stöcken.

In Continental, il ruolo di esperto è stato introdotto nel team di Sviluppo dei pneumatici una decina di anni fa. In un certo senso, pone l'esperto sullo stesso piano di un capo di dipartimento, in termini di salario e prestigio. Il percorso di carriera è aperto a specialisti con comprovata esperienza, non solo in possesso di una conoscenza tecnica approfondita, ma in grado anche di trasformarla in un prodotto commerciabile. "Queste persone devono avere un orizzonte veramente ampio e capacità dirigenziali", afferma Jäckel. "Hanno la possibilità di avviare, dirigere e dare sostegno a progetti innovativi all'interno dell'azienda – ben al di là dei confini del dipartimento".

Carla Recker

Pensiero creativo richiesto

Carla Recker è stata un esperto sin dall'inizio, ed è Responsabile per la chimica dei materiali nella BU Pneumatici. Dal 2007, la Recker, che possiede un dottorato in chimica, si è occupata della produzione di gomma naturale ricavata dalla linfa della radice del tarassaco. Dovrà sostituire la gomma naturale ricavata dal lattice degli alberi di gomma naturale, utilizzata nella produzione degli pneumatici, riducendo impatto ambientale e costi di logistica. In collaborazione con i ricercatori del Fraunhofer Institute e altri partner che partecipano al progetto, Recker coltiva tarassachi, esegue test sui primi pneumatici di tarassaco e a breve costruirà un sistema pilota per la produzione su scala commerciale. "La creatività qui è vista decisamente di buon occhio... nei limiti della fattibilità, ovviamente", ci dice, ridendo.

Anche Rüdiger Menz

Anche Rüdiger Menz è noto in Continental per le sue buone idee. Menz, che ha un dottorato in ingegneria meccanica, negli ultimi cinque anni si è occupato di sviluppare dei metodi per collaudare la resistenza degli pneumatici. Oggi, è un esperto in questo campo ed è in grado di simulare tipi specifici di deformazione eccessiva sugli pneumatici con procedure di collaudo sempre più sofisticate. "Mi diverto un sacco a creare modelli teorici" dichiara Rüdiger Menz. La particolare difficoltà è che devono superare il test di realtà. Invece di lavorare in una torre di avorio, gli esperti mirano a raggiungere risultati che possano essere utilizzati dall'azienda.

Esperti di settore

Ovviamente non manca un certo livello di pressione, ammette l'esperto: "Devo avere sempre pronta qualche nuova idea, e devo essere costantemente creativo". E quando i colleghi si presentano da lui con un problema, deve ascoltare: "Spesso sono richieste delle capacità dirigenziali, perché sono tante le persone che supportano il mio lavoro".

In teoria, Carla Recker e Rüdiger Menz hanno più collaboratori che capi: colleghi provenienti da tutti i dipartimenti collaborano ai loro progetti. Non sono dei dirigenti, però: devono motivare la loro squadra in un altro modo. "Devo essere più paziente e utilizzare tutte le mie capacità di persuasione", afferma Carla Recker. E devono avere anche un buon grado di sicurezza in se stessi, perché spesso il merito del loro lavoro va a qualcun altro. "Mi sento apprezzata da colleghi e dirigenza, e sono felice di non dovermela vedere con questioni di HR e bilanci". Nessun altro tipo di lavoro avrebbe fatto meglio al caso suo, ci spiega Recker.

Al momento sono 19 gli esperti che operano nel dipartimento di Ricerca & Sviluppo a Stöcken. Una posizione di primo piano che gli assicura anche una buona reputazione all'interno dell’azienda. Da un punto di vista organizzativo, sono sullo stesso piano dei dirigenti di dipartimento: possono rivolgerglisi in condizioni di perfetta parità, perché, come loro, dipendono direttamente dal capo di dipartimento. "Le gerarchie non particolarmente importanti per noi. Non facciamo differenza tra dirigenti ed esperti. Hanno importanza esclusivamente potenziale, prestazione e adattabilità, sia in termini di possibilità di carriera, sia di sviluppo del personale", ci spiega il capo HR, Christian Jäckel. Questo include anche la formazione, nelle competenze manageriali, per esempio. "Le tecniche idonee tornano molto utili agli esperti, che sono di fatto anche dei leader... dei leader esperti".

La carriera di esperto in Continental è un modello destinato al successo: ci sono esperti in tutta l'azienda. Nella divisione Pneumatici, gli esperti non si occupano soltanto di ricerca e sviluppo, ma anche di produzione, progettazione e IT.