Prodotti per veicoli commerciali

Pneumatici per il trasporto merci

Pneumatici per il trasporto merci

Prendersela con calma? Nemmeno per sogno!

Wilhelm Pollmer porta nel taschino della camicia degli occhiali per lettura, in caso ci fosse il bisogno di leggere i numeri riportati su un cuscinetto a sfere. Il suo nuovo calibro è dotato di un display elettronico. "È che ora riesco a vedere senza assistenza" dice con un sorriso il cinquantanovenne, "per il resto, nulla è cambiato". Wilhelm Pollmer, un'istituzione all'interno di Conti, lavora presso lo stabilimento di Korbach da 44 anni. Svolge la manutenzione e il servizio ai macchinari utilizzati in Continental per produrre le coperture per veicoli industriali.

Wilhelm Pollmer

Comincia il turno alle 5:15 del mattino e timbra in uscita alle 13:45. Qualche anno fa, quando gli chiesero se voleva continuare a lavorare al primo turno, Wilhelm Pollmer rispose immediatamente di sì. "Mi piace moltissimo rilassarmi nel pomeriggio. Non devo più andarmene qui in giro di notte". Quello è un lavoro che va bene per qualcun altro, per il personale più giovane, che, però, ha sempre potuto contare sul collega più anziano quando aveva bisogno di un consiglio. Per esempio, quando sono richieste capacità manuali, e questo accade spesso quando si sostituiscono gli utensili (per il pneumatico in gomma non vulcanizzata sono necessari stampi diversi, a seconda di tipo e misura). O se si rompe un asse: Wilhelm Pollmer è noto persino per essere in grado di saldare un pezzo provvisorio, in attesa che arrivi il pezzo di ricambio.

Ha acquisito le capacità manuali, facendo molta gavetta, con un apprendistato come installatore iniziato alla fine degli anni '60 nella divisione dei pneumatici per bici di Continental. "Abbiamo cominciato con la lima, per fare un bel blocco di acciaio angolare", ricorda Pollmer con un sorriso. Per restare al passo con il progresso tecnologico, nel corso della sua carriera ha frequentato spesso corsi di formazione. Idraulica, pneumatica: al giorno d'oggi tutti gli aspetti della produzione dei pneumatici sono controllati dal computer."Le formule sono conservate nel computer. L'unica cosa da fare è indicare il pneumatico che si vuole realizzare: la macchina sa già tutto".

Nel 1993, quando fu ampliata la produzione nello stabilimento di Korbach, Pollmer passò alla divisione dei Pneumatici per Veicoli Commerciali. Non ha mai avuto intenzione di andarsene da Continental. "Vivo qui vicino, l’azienda ha un nome prestigioso e ci sono molto affezionato. Dopo tutto, lavoro qui dai tempi in cui ero un apprendista. E che cosa cambierebbe? "Niente", risponde ridendo l'installatore. "Magari andare a scuola per qualche anno ancora, se proprio".

Wilhelm Pollmer non ha paura di andare in pensione. Due dei suoi vecchi colleghi sono già andati in pensione: "siamo rimasti in contatto e ci scambiamo gli inviti per le feste di Natale". Anche a casa, le sue abilità manuali ritornano utili in mille modi: Pollmer si occupa di casa e giardino, taglia l'erba, fa la legna per l'inverno e ripara tutte e due le auto dei suoi figli. "Mia moglie dice sempre: hai già abbastanza da fare a casa. Non hai più bisogno di andare in fabbrica".