Prodotti per veicoli industriali e speciali

Elevata qualità dei test

article_66w_image1

Per i test sui pneumatici si utilizzano le più avanzate apparecchiature elettroniche, analisi chimiche di laboratorio, raggi x e persino la tomografia computerizzata. I metodi di collaudo Continental per progettare il pneumatico perfetto sono sempre più raffinati e forniscono informazioni sempre più corrette al nostro “collaboratore” preferito: il computer.

Attraverso le sbarre di acciaio, Rüdiger Menz fissa attentamente un macchinario di colore verde alto quasi quanto una persona: sembra un'enorme lavatrice. Al centro, una ruota gira su un tamburo. "È qui che misuriamo la resistenza al rotolamento," ci spiega. "È particolarmente importante per l'efficienza energetica del pneumatico". A passo veloce, l'atletico Rüdiger passa rapidamente nella stanza di collaudo successiva. In un angolo, dietro a un vetro di protezione sta ruotando un tamburo di acciaio del diametro di 1,7 metri. Su di esso girano contemporaneamente quattro pneumatici autocarro. "Facciamo ruotare il pneumatico finché non si riduce in pezzi", ci dice. "I test ci consentono di vedere fino a quali condizioni possono resistere i diversi tipi di pneumatico e per quanto tempo".

Rüdiger Menz è a capo dei processi di valutazione della resistenza. Lavora in Continental come Responsabile per lo Sviluppo della metodologia dei test sulla durata degli pneumatici. Ha un problema da risolvere: i pneumatici Continental durano troppo a lungo. "Alcuni possono andare avanti per milioni di chilometri. Se dovessimo testare i pneumatici sul campo, occorrerebbero anni di utilizzo del pneumatico per riprodurne l'intero ciclo di vita". Oggi, i pneumatici per i test sono montati sui nostri veicoli e sulle flotte autocarro di aziende di trasporto nostre partner. Per ottimizzare le procedure che velocizzano il collaudo dei pneumatici, Rüdiger e i suoi collaboratori lavorano con una pressione enorme.

La velocità dei dati 

Le simulazioni al computer forniscono risultati rapidissimi: quali sono gli effetti su durata o resistenza al rotolamento di una mescola di gomma più dura? Scanalature più frammentate del battistrada aumentano la sicurezza alla guida? Il computer calcola i risultati nel giro di qualche ora. Ma per risultati affidabili, c'è bisogno di formule di calcolo corrette. E questo può avvenire soltanto quando i dati forniti sono ricavati dai collaudi autentici. Ad esempio, prendiamo uno dei test effettuati dal tamburo nel centro di ricerca e sviluppo di Hannover-Stöcken.

Qui, ogni singolo pneumatico per autocarro è sottoposto ad un carico che può arrivare fino a dieci tonnellate. "Il test è eseguito in condizioni estremamente precise," ci dice Rüdiger. "ed è per questo motivo che anche i dati forniti dal metodo sono estremamente accurati. C'è uno svantaggio: è possibile testare solo una caratteristica di carico alla volta, per esempio un determinato carico, una determinata temperatura o una determinata pressione." Successivamente, tutti i risultati dei test devono essere calcolati insieme: è difficile farlo, con tutte le interazioni. Sulla strada, però, l'elevata qualità dei pneumatici Continental deve soddisfare contemporaneamente tutti i requisiti.

New content item

Raggi X

È vero, i test condotti su strada possono richiedere molto tempo, ma sono indispensabili. Il team di collaudo inserisce nei pneumatici raffinati strumenti di misurazione, che registrano, per esempio, l'andamento della temperatura. Nelle regioni più calde, la temperatura dei pneumatici è un fattore particolarmente importante da prendere in considerazione per valutare la durata del pneumatico, ci spiega Rüdiger Menz. Nella stanza a raggi X, con il controllo a distanza, vengono fatti sulla fascia del battistrada dei piccoli buchi per posizionare alcuni strumenti di misurazione. È una questione di decimi di millimetro. I raggi X, inoltre, consentono un rapido monitoraggio della struttura dei pneumatici utilizzati per i test. Segnalano anche qualsiasi "danneggiamento interno".

I metodi di collaudo diventano sempre più sofisticati. I livelli di prestazione richiesti per un pneumatico Continental premium sono talmente elevati che un semplice esame esterno, fatto ad occhio nudo, non è assolutamente sufficiente. Per questo motivo dai pneumatici che sono stati utilizzati nelle prove su strada si ritagliano sezioni che vengono poi sottoposte a esami chimici di laboratorio. L'utilizzo della tomografia computerizzata (CT) consente di analizzare con una precisione millimetrica dettagli minuscoli, come le variazioni della profondità del battistrada.

Il macchinario CT del centro è in funzione 24 ore su 24. Il team “Ricerca e Sviluppo suddivide virtualmente in sottili strati della larghezza di pochi millimetri centinaia di pneumatici l'anno. La scansione completa di un pneumatico per veicoli commerciali, frammento dopo frammento, richiede circa 24 ore. In questo modo si possono ottenere validi risultati che vengono poi inseriti in algoritmi per la simulazione al computer. Secondo Rüdiger Menz questo rappresenta il futuro dei test. "Il continuo avanzamento delle nostre procedure di misurazione e collaudo ci consente di arrivare sempre più vicini al nostro obiettivo: test virtuali che sono i più brevi possibile e che permettono di indicare con precisione la reale prestazione del pneumatico". La rapidità è un fattore cruciale per lo sviluppo di nuovi pneumatici. Si sa: chi perde il ritmo rimane indietro”.

"Negli ultimi anni, abbiamo raddoppiato la rapidità con la quale le nostre idee diventano prodotti da mettere su strada," continua Rüdiger Menz, mentre inserisce intere colonne di cifre nel suo computer. È evidente che Rüdiger Menz, che ha conseguito un dottorato in ingegneria meccanica, si appassioni alla costruzione di modelli matematici e fisici. "Il nostro team incarna lo spirito di inventiva" dichiara entusiasta. "È un lavoro all'avanguardia quello che stiamo realizzando con i modelli di resistenza. Ci troviamo nel punto in cui si intersecano teoria e pratica. Facciamo ricerca, perfezioniamo i nostri metodi di collaudo, prepariamo programmi, e continuiamo sempre ad amare il prodotto". E nel frattempo il pneumatico nella “lavatrice” di colore verde continua a girare e a girare.