Prodotti per Auto / Van / 4x4

Sono in Lombardia le strade più pericolose per i bambini fino a 9 anni

Strade più pericolose

Nel 2013 in Lombardia 1.091 bambini fino a 9 anni hanno perso la vita o sono rimasti feriti in un incidente stradale. In base a questi dati la Lombardia è la regione italiana con le strade più pericolose per i bambini fino a 9 anni. Alla Lombardia seguono, in questa graduatoria, Lazio (654), Emilia Romagna (637), Veneto (521) e Toscana (518). Le regioni con le strade meno pericolose per i bambini fino a 9 anni sono Basilicata (36), Molise (17) e Valle d’Aosta (15).

Questi dati emergono da un’elaborazione del Centro Studi Continental su fonte Aci.

In tutta Italia i bambini fino a 9 anni che hanno perso la vita o sono rimasti feriti in un incidente stradale nel 2013 sono stati 6.386. Si tratta di un dato tragico, che evidenzia una diminuzione solo dell’1,1% rispetto al 2011. Per questo è urgente una seria riflessione su quali provvedimenti e iniziative possono essere messi in atto per far ulteriormente calare la pericolosità delle nostre strade per i bambini.

In occasione delle vacanze di Natale, un periodo in cui il traffico si intensifica molto (sia nelle città che nelle autostrade) e la circolazione diventa più pericolosa, il Centro Studi Continental ricorda quali sono le regole di sicurezza da rispettare per trasportare bambini in auto. Per prima cosa si devono utilizzare seggiolini omologati, anche per i trasporti brevi. Secondo la legge i bambini non possono essere trasportati sul sedile anteriore in un seggiolino rivolto all'indietro se prima non è stato disattivato l’airbag. Bisogna poi assicurarsi di aver fissato il seggiolino in modo appropriato. E poi, ancora: non lasciare oggetti in auto che, in caso di frenata brusca, possano arrecare danni ai bambini trasportati. E, infine, è molto importante evitare le distrazioni alla guida. Da non dimenticarsi, infine, una corretta preparazione dell’auto, che parte dai pneumatici giusti per la stagione invernale: una copertura winter ha caratteristiche di tenuta di strada e di capacità di ridurre gli spazi di frenata migliorative rispetto alla corrispondente estiva alle basse temperature, già a partire dai +7°C.

Non è superfluo ricordare che per il codice penale il genitore è responsabile di tutti gli eventuali danni derivano ad un minore da un incidente stradale. Con una recente sentenza la Cassazione ha ribadito che il papà o la mamma che non assicurano il figlio al seggiolino dell’auto e consentono una guida spericolata al conducente sono punibili per omicidio colposo se il piccolo muore a seguito di incidente stradale. Questo comportamento, infatti, è gravemente negligente perché vìola tutte le regole di cautela gravanti sul genitore o sulla persona tenuta alla sorveglianza del minore.

E’ inoltre indispensabile, per tutti coloro che sono alla guida di un mezzo a motore, mantenere alta l’attenzione nei confronti dei pedoni in generale ed in particolare dei bambini che camminano (o guidano la bici), in special modo nelle vicinanze di scuole e asili. Il bambino, infatti, viene percepito con minore immediatezza dal conducente a causa della statura piccola che ne condiziona la visibilità soprattutto in fase di attraversamento pedonale tra auto parcheggiate in sosta. Visto il ripetersi di episodi di bambini dimenticati nelle vetture con conseguenze tragiche, è oggi quanto mai opportuno dotare le auto di dispositivi atti a prevenire queste distrazioni, per tutelare in maniera ancora più efficace la vita dei bambini, ed in special modo di quelli più piccoli.

Temi correlati